il Fatto Quotidiano (Italy), 6 July 2012: 'Amsterdam, polizia dotata di body scanner. “Strumento discriminatorio”

Saturday, 07 July 2012

"La proposta del primo cittadino van der Laan rafforza la possibilità già prevista dalla legge di perquisire i cittadini sulla base del semplice sospetto nelle zone a rischio. Proteste dal partito liberale D66 e delle associazioni: "Superato ogni limite".

Il comune di Amsterdam vuole dotare la polizia di body scanner "portatili" che consentano di 'guardare' attraverso i vestiti dei sospetti e di individuare facilmente armi o altri oggetti non consentiti. Non si tratta di una promessa "elettorale" giustizierista di Geert Wilders ma di un annuncio del primo cittadino della capitale olandese, il sindaco laburista Eberhard van der Laan ripreso con gran clamore dalla stampa nazionale. Per il borgomastro, l'introduzione di questi sofisticati strumenti, che avrebbero in dotazione un sensore capace di "fiutare" anche droghe o esplosivi, potrebbe rappresentare un valido aiuto per implementare la politica di "stop and search" ossia la possibilità riconosciuta dalla legge olandese alla polizia, di condurre, sulla base del semplice sospetto, perquisizioni casuali in zone della città considerate a rischio.
(...)
Due anni e mezzo dopo, le parole del sindaco di Amsterdam riaprono il caso ma il partito laburista, per bocca dell'ufficio stampa, cerca di smorzare, preventivamente, le polemiche: "La discussione non è ancora iniziata ma noi pensiamo si possa trattare serenamente del tema magari individuando dei limiti a tutela della privacy: per esempio, noi diremmo no a scanner come quelli impiegati all'aeroporto di Schipol, che fotografano i contorni del corpo e consentono immagini in alta definizione". Intanto, il tema è stato all'ordine del giorno in commissione sicurezza del comune, lo scorso giovedi, ma l'aula ha deciso di riaggiornare il dibattito a gennaio 2013, probabilmente per spegnere le vigorose, benchè isolate, proteste che si sono levate proprio alla vigilia dell'inizio della campagna elettorale per le elezioni politiche di settembre. Si è fatto sentire, infatti, il partito liberale D66, piccolo ma influente movimento che per bocca del capogruppo in consiglio comunale Jan Paternotte ha fatto sapere al sindaco che non ha alcuna intenzione di prendere in considerazione la proposta: "La facoltà, per la polizia di fermare in strada chiunque, senza ragione, ed effettuare perquisizioni è già una misura estremamente invasiva e potenzialmente discriminatoria ma con il bodyscan superiamo ogni limite", ha tuonato Paternotte e ha concluso: "E' davvero necessario che la polizia di Amsterdam possa venire a conoscenza di ogni dettaglio della vita privata dei cittadini?". Dello stesso avviso l'associazione "Privacy First" che ha attaccato l'idea del borgomastro, annunciando mobilitazioni ed azioni legali per contrastare l'eventuale misura."

Read the entire article in Italian newspaper il Fatto Quotidiano HERE, or click HERE for an 'English version' in Google Translate.

Our Partners

logo Voys Privacyfirst
logo greenhost
logo platfrm
logo AKBA
logo boekx
logo brandeis
 
 
 
banner ned 1024px1
logo demomedia
 
 
 
 
 
Pro Bono Connect logo
Procis

Follow us on Twitter

twitter icon

Follow our RSS-feed

rss icon

Follow us on LinkedIn

linked in icon

Follow us on Facebook

facebook icon